Salta ai contenuti.Salta alla navigazione

Rete trigonometrica classica

La rete trigonometrica classica, realizzata per triangolazione e per trilaterazione, consta di circa 20.000 vertici trigonometrici suddivisi in 4 ordini ed uniformemente distribuiti sul territorio nazionale con una interdistanza di circa 5 km. Da tale rete, la cui istituzione è iniziata praticamente con l’Unità d’Italia e la cui prima determinazione si è conclusa nel 1919, sono derivate le altre reti nazionali, quale quella del Catasto.Questa rete ha una precisione qualche decimetro sia in planimetria che in quota.

Immagine 26x26 per link riguardanti l'acquisto di prodottiCompra on line: Geoprodotti

Grigio, 26x26 Guide all'acquisto: leggi Come si usa il motore di ricerca geografico e Come acquistare la monografia di un punto trigonometrico


La monografia dei vertici trigonometrici è costituita da una scheda che contiene le informazioni necessarie all'utilizzo del punto. Ciascuna scheda contiene:

  • denominazione e specifica: indica il nome del luogo in cui il punto è sito, con un eventuale specifica che identifica meglio l’ubicazione della materializzazione;
  • ordine: indica la gerarchia nella determinazione; può essere in ordine decrescente d'importanza: I, II, III, IV, Tp5 (topografico controllato), TP (topografico), CC (istituito dalla Commissione Confini);
  • numero: identifica il punto con un codice numerico univoco di 6 cifre; le prime 3 indicano il foglio della carta d'Italia alla scala 1:100.000 nel quale il punto ricade, le ultime 3 sono una numerazione progressiva interna la foglio, la quarta cifra non può essere superiore a 5;
  • localizzazione cartografica: elementi cartografici nei quali il punto ricade, sia nella vecchia serie al 100.000, e nel suo sottomultiplo tavoletta al 25.000, sia nella nuova serie al 50.000 e nel suo sottomultiplo elemento al 25.000;
  • localizzazione amministrativa: Nazione, Regione, Provincia e Comune in cui il trigonometrico ricade, oltre alla stazione dei Carabinieri di pertinenza;
  • proprietà: nome del proprietario, compreso l'indirizzo, del luogo (terreno o manufatto) sul quale il vertice è posto;
  • piano di paragone: descrizione dell'elemento orizzontale al quale è riferite la quota;
  • compensazione: indicazione sul calcolo che ha fornito la determinazione planimetrica;
  • elementi numerici: coordinate geografiche nei sistemi geodetici ETRF2000 e ROMA40, coordinate piane nei corrispondenti sistemi cartografici (TM e Gauss-Boaga rispettivamente) e quota del vertice;
  • eventi: data dei momenti più significativi che hanno caratterizzato la storia del vertice;
  • materializzazione: descrizione dell'elemento che consente l'identificazione del vertice, sia esso un apposito contrassegno o un particolare di un manufatto;
  • accesso: descrizione di come si accede al luogo in cui il vertice è posto, compresi eventuali permessi o limiti;
  • informazioni ausiliarie: raccoglie le notizie particolari;
  • stazioni astronomiche: elementi che indicano le eventuali stazioni astronomiche eseguite sul vertice;
  • schizzo monografico: disegno in pianta o prospetto che rappresenta la posizione del vertice nel contesto dei particolari che lo circondano;
  • ultimo intervento: elementi identificativi della più recente intervento eseguito sul vertice.


Sono disponibili le seguenti monografie:

  • VERTICI TRIGONOMETRICI
  • VERTICI TRIGONOMETRICI DI INCERTA DEFINIZIONE (materializzati in modo approssimativo o di ordine inferiore al III e istituiti prima del 1940)

 

Message